LA "CHERATOTOMIA RADIALE ASIMMETRICA"

 
Formato Word
 
 
   
Una grande conquista per eliminare il Cheratocono
Senza traumi e senza rischi

L'esperienza nel campo della microchirurgia mi ha consentito di ideare, già dal 1985, un intervento semplice per risolvere in modo definitivo (nel 90% dei casi) il problema di quei Cheratoconi di Tipo I, II ed alcuni casi selezionati di tipo III. Tale intervento ha dimostrato con i risultati conseguiti nell'arco di 15 anni di poter ridurre almeno dell'85% la necessità di trapianti di cornea nel mondo.

Il Cheratocono è una deformazione della cornea che risulta estroflessa verso l'esterno nella sua parte centrale e paracentrale. Purtroppo, è ancora radicata la convinzione che l'unico mezzo per risolvere il cheratocono sia il trapianto di cornea. Ma un trapianto di cornea, pur effettuato con successo, conduce regolarmente ad un astigmatismo di grado più o meno elevato, la cui correzione può essere, nella stragrande maggioranza dei casi, talmente problematica da rimpiangere la propria vecchia e malandata cornea. E non dobbiamo dimenticare che si tratta pur sempre di un trapianto di cornea con tutti i rischi di rigetto che esso comporta ed una durata media nel tempo di 10 anni. Immaginiamo quindi ciò che significa per una persona giovane un'aspettativa di soli 10 anni. E giovani sono i pazienti affetti da Cheratocono!

I pazienti affetti da Cheratocono, solitamente, trovano una visione confortevole solo se corretti con le lenti a contatto rigide o semirigide. Ma che le lenti corneali peggiorino il cheratocono è ormai un concetto consolidato e ripetuto nei congressi scientifici. Le lenti a contatto, infatti, tendono prima o poi, a causa del loro ridotto (o nullo) apporto di ossigeno alla cornea, a scompensare ulteriormente il Cheratocono.

La tecnica da me ideata, denominata "Cheratotomia Radiale Asimmetrica" deriva da quella utilizzata per la correzione della miopia. Per tale problema vanno effettuate delle incisioni regolari su tutta la parte paracentrale della cornea. Nella Cheratotomia Radiale Asimmetrica, utilizzata per correggere il Cheratocono, le microincisioni vengono eseguite soltanto nel settore di cornea estroflesso, fuori dal campo pupillare.

Nel 90% dei casi la Cheratotomia Radiale Asimmetrica è risolutiva per il Cheratocono: è un intervento ambulatoriale effettuato senza bendaggi, in anestesia locale, della durata di circa 1-3 minuti per occhio e che consente di ottenere buoni risultati già alla fine dell'operazione. Nella maggior parte dei casi, bastano un paio di occhiali da sole per qualche giorno e l'uso di colliri specifici da prendere nel periodo post-operatorio.

Negli anni più recenti (dal '90), abbiamo compiuto un nuovo passo in avanti: riusciamo infatti a correggere non solo l'estroflessione progressiva della cornea, ma anche il suo difetto visivo, quasi sempre in modo più che soddisfacente. Infatti il 70% dei pazienti raggiunge il massimo della capacità visiva senza aiuto di ulteriori lenti correttive, la restante parte con l'aiuto di un semplice occhiale.

In tal modo il paziente, dopo aver subito l'intervento, è in grado non solo di uscire dal tunnel: "lente a contatto - ulteriore sfondamento corneale - trapianto di cornea", ma anche di avere la migliore acutezza visiva possibile.

Grazie alla mia lunga esperienza, l'applicazione chirurgica di tale tecnica ha subito una tale evoluzione (vista l'estrema semplicità ed il rischio pressoché inesistente di tale tecnica chirurgica), che si consiglia l'intervento ai primi sintomi della malattia. Modificando, secondo determinati calcoli, leggermente la tecnica, si interviene con un numero variante da 1 a 3 incisioni di non più di 2 mm di lunghezza: si riesce così a fermare l'evoluzione della malattia con il massimo risultato refrattivo.

Diversi lavori sono stati pubblicati, sia in Italia che all'estero, sulla Cheratotomia Radiale Asimmetrica e sono stati presentati inoltre durante i più importanti Congressi Internazionali: Mosca, 1990; Minneapolis, 1995; Cape Town, 1995; Atlanta, 1995; Chicago, 1996; Orlando, 1997 e, più recentemente, nel febbraio del 2000, in Italia, anche durante il Congresso Nazionale organizzato dalla S.I.TRA.C. (Società Italiana Trapianto di Cornea).


Prof. Massimo Lombardi
"Centro Nazionale Laser"
Via Nazionale, 75
00184 ROMA
Tel. 06-48907284 Fax 06-48907292

 
   
dott. Massimo Lombardi